Cani di piccola taglia: lo Shih tzu

shih tzu

La storia del cane Shih tzu è molto antica e può essere divisa in due epoche, quella tibetana e quella cinese; in Tibet veniva allevato come cane da compagnia e da allerta, perché essendo molto intelligente era in grado si avvertire il padrone al minimo segnale di pericolo. Durante l’epoca cinese l’allevamento dello Shih tzu avveniva presso il palazzo imperiale e riceverne uno in dono significava essere apprezzati dall’imperatore.

Gli Shih tzu, come i pechinesi e i carlini erano considerai i cani dei nobili e dell’aristocrazia in genere, ma non solo: basti pensare che per il popolo tibetano è ancora oggi un onore e un segno di buon augurio ricevere in regalo uno di questi cagnolini.

Fisicamente, lo Shih tzu si presenta con la testa tonda e larga, con il muso “a crisantemo” e il pelo a ciuffi che gli ricade sugli occhi; è un cane di piccola taglia, la cui altezza non deve superare i 26,7 centimetri e il cui peso ideale varia dai 4,5ai 7,3 chilogrammi. La caratteristica peculiare dello Shih tzu è il pelo che è lungo e folto, a volte con una leggera ondulazione; sono ammesse tutte le colorazioni del mantello, ma sempre con una macchia bianca sul muso e sulla punta della coda.

Lo Shih tzu è una cane da compagnia estremamente intelligente e pieno di temperamento; è assai testardo ma anche molto buono, ed è in grado di affezionarsi facilmente al padrone e a tutta la famiglia. Possiede un carattere festoso e allegro, ma questo non deve essere considerato indice di poca personalità, perché in realtà lo Shih tzu è un cane molto volitivo che istaura con il padrone un rapporto paritario. Ovviamente devono essere prestate particolari cure al mantello con una piccola ma necessaria attenzione, ossia quella di legare sulla testa il pelo che gli ricade sugli occhi.





Apri l’articolo originale

Annunci

About this entry